SWEDISH DO IT BETTER

 

 

 

 

 

 

 

Pianificando un ipotetico futuro viaggio verso mete nordiche, mi sono chiesta perché. Mi spiego meglio: cosa spinge la mia voglia di esplorazione così a nord? Nel macchinoso lavorio del mio cervello, che cercava di darmi una risposta, mi sono ritrovata a ripercorrere nostalgicamente le strade di Stoccolma. La risposta è arrivata da sola: design. Non c’è niente da fare, i nordici ci sanno fare. Per i colori, per le forme, per i concetti: loro ci sanno fare molto più di noi. Certo, il made in Italy è decantato come il top del top, ma pensate un attimo alla linearità, alla funzionalità, alla praticità, e soprattutto al prezzo del design nordico: vi devo per caso ricordare le paroline Ikea e H&M?! Ecco, sono la riprova che gli svedesi il design lo hanno nel sangue: prezzi di basso livello, design di alto livello. Certo, le rifiniture, le cuciture e la qualità dei materiali non sarà al pari di un Giorgio Armani, ma ehi, hai quello che paghi, neanche gli svedesi fanno i miracoli! Però è interessante il fatto che anche se si tratti di un oggetto di relativa durabilità e relativo valore, loro ce la mettano tutta per trovare un concept interessante e un disegno accattivante.  E ci riescono ovviamente meglio di noi. A questo proposito, mi viene in mente un brand veramente degno di nota, scoperto proprio nelle strade di Stoccolma, precisamente in Götgatan numero 25 (ammetto, Google mi è venuto in aiuto!), ma presente anche in piccoli spot nei centri commerciali della città, che ha adottato una formula decisamente vincente: loro disegnano semplicemente fantasie su tessuti, plastificati e non, che vendono al metro nel loro negozio e con essi realizzano semplicissimi oggetti e accessori per la vita di tutti i giorni. Sono i 10 Swedish Designers, detti anche Tio Gruppen, un collettivo di dieci bravissimi designers svedesi (ma dai?!) che realizzano dei veri must have per gli hipster di tutto il mondo. Ovviamente una volta lì non ho potuto fare a meno di acquistare un piccolo oggettino, ma non vi nascondo che avrei volentieri comprato l’intero negozio, compresi i rotoloni di tessuto (nel caso in cui avessi voluto rivestire l’intera casa con fantasie colorate, non si sa mai!). Quindi se capitate nei pressi della stupenda capitale nordica (che vi invito a visitare per la sua incredibile storia, per l’atmosfera, per l’architettura –pullula di Asplund e Aalto- e anche per l’ottimo cibo), non fatevi mancare un giretto in questo piccolissimo negozio dall’immenso potenziale. Se volessimo poi aggiungere un ulteriore punto a favore di questo bellissimo e biondissimo popolo, potremmo parlare di musica, ma magari lo faremo in un futuro post, vi dico solo che non mi meraviglierei se mi dicessero che l’elettronica l’hanno inventata loro, perché, in questo campo sono dei geni. Ma questa è un’altra storia e si dovrà raccontare un’altra volta. (citazione letteraria, vediamo se indovinate di chi – non è svedese!)

Looking forward I was planning an eventual trip in North of Europe, and I’m wadering why. I mean: why would I totally love to go there? While my brain’s working on the answer, my imagination was taking me in the streets of Stockholm. So I realized that the answer was: design. No way, Swedish do it better. Colors, shapes, concepts: they’re better than us. Ok, made in Italy is considered on the top of the tops, but think at the minimalism, functionality, and at the price of the Nordic design: do I have to remind you the words Ikea and H&M?! Those brands are the proof that Swedish have got design under their skin: low cost, high quality of design. Ok, finishes and materials are not as fine as Giorgio Armani’s, but well, you’ll have what you pay for, neither Swedish people do miracles! But I find it interesting that they try to do their best to find a perfect concept and a good design, even if these objects are not so valuable and durative. And they succeed better than we do. About this, I want to talk about a very awesome brand that I found in the streets of Stockholm, at the 25th of Götgatan to be precise (I admit, Google helped me!), but you can also find it in some shopping centers of the city. They had a very good and simple idea: they create pattern fabrics, plasticized or not, sell them by meters in their shop and designed some ordinary accessories made with it. They’re called 10 Swedish Designers, or Tio Gruppen, and are a group of ten able Swedish designers (really?!) that create proper must haves for hipsters all around the world. Of course, I didn’t resist and I bought a little object, but I wanted to buy the whole shop, fabric’s rolls included (in case I want to cover all my house’s sourface!). So, if you’re around don’t miss to visit Stockholm (for her magical history, atmosphere, architecture – Asplund and Aalto all around- and food too!) and this little amazing shop. But those amazing and super-blonde people are so good in music too (we may talk about it in a future post): did they invent electronic music? Because they’re the best at it! But that is another story and shall be told another time. (literature’s quotation, guess who is by – he’s not Swedish!)

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...